NORMATIVA BICI ELETTRICHE: COSA SERVE PER CIRCOLARE IN SICUREZZA.

Normativa bici elettriche : cosa serve per circolare in sicurezza.

Di recente i media, a seguito dei vari incentivi che sono stati stanziati per l’elettrico, stanno affrontando il tema della sicurezza per quanto riguarda le bici elettriche e la circolazione nelle nostre città. Cercheremo di districarci nei meandri della normativa per avere un quadro completo di cosa dobbiamo tenere in considerazione al momento di acquistare una bici elettrica.

Differenza tra bici elettrica a pedalata assistita e ciclomotore

La domanda può sembrare semplice e banale vediamo cosa ne pensa la legge:

In un’autentica bicicletta elettrica a pedalata assistita, il motore deve entrare in funzione solo dopo che il passeggero inizia a pedalare, altrimenti il nostro veicolo risulta a tutti gli effetti un ciclomotore e quindi con l’obbligo di avere la targa, il certificato di circolazione e l’assicurazione.
 
Ed ora data questa definizione fondamentale possiamo passare alla differenza tra speed bike e bicicletta elettrica. 
 

Che cos’è una speed bike?

Si tratta di biciclette con pedalata assistita (vedi sopra) che montano motori al di sopra dei 250kw di potenza e che permettono di raggiungere i 45 km/h. Quindi sono considerati a tutti gli effetti dei ciclomotori elettrici. Di conseguenza valgono tutte le regole previste per i motorini: casco, assicurazione obbligatoria, tassa di circolazione, limiti di velocità, interdizione dalla circolazione nelle zone a traffico limitato. 

Bici elettriche: Le norme fondamentali:

Passiamo ad una disamina delle norme fondamentali: 

L’art. 50 del codice della strada prevede che:

I velocipedi sono i veicoli con due ruote o più ruote funzionanti a propulsione esclusivamente muscolare, per mezzo di pedali o di analoghi dispositivi, azionati dalle persone che si trovano sul veicolo; sono altresì considerati velocipedi le biciclette a pedalata assistita, dotate di un motore ausiliario elettrico avente potenza nominale continua massima di 0,25 KW la cui alimentazione è progressivamente ridotta ed infine interrotta quando il veicolo raggiunge i 25 km/h o prima se il ciclista smette di pedalare.

L’articolo 9 bis del codice della strada prevede che:

Il conducente di velocipede che circola fuori dai centri abitati da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo sorgere e il conducente di velocipede che circola nelle gallerie hanno l’obbligo di indossare il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità, di cui al comma 4-ter dell’articolo 162.
In pratica si fa riferimento all’obbligo di avere installato un dispositivo luminoso. Ricordati, prima di acquistare, di assicurarti che il sistema di illuminazione sia compatibile con la tua bici, nel caso non fosse già installato dal produttore. 
 

E’ obbligatorio l’uso del casco?

La risposta è no! Essendo equiparata ad un normale velocipede la bici elettrica non ha quest’obbligo. 
A differenza della speed bike o e-bike modificate non serve il casco, assicurazione, il divieto di accesso alle zone a traffico limitato, etc. 
 

Normativa relativa al trasporto di bambini

Il comma 5 dell’articolo 182 prevede che:

È vietato trasportare altre persone sul velocipede a meno che lo stesso non sia appositamente costruito e attrezzato. È consentito tuttavia al conducente maggiorenne il trasporto di un bambino fino a otto anni di età, opportunamente assicurato con le attrezzature, di cui all’articolo 68, comma 5.
 
Ti consigliamo sempre di verificare, prima di acquistare una bici per trasportare il tuo bambino, che il tuo modello di bici prevede la possibilità di agganciare un apposito seggiolino. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.